www.sansalvo@ntica.it

HOME

Le raccolte del maestro Evaristo

I proverbi


Sopra 'na culline tra le fiure

se trove stu paese 'ncantate

Pagine

1  2  3  4  5  6   

 2

DIALETTO  ITALIANO AUDIO

 Canda lu furmueche ndrate a la crche, n ci ŝta chi ninte da fa.

 Quando la formica entrata nella quercia non c pi nulla da fare

 Canda Pasque ve di maie!!!

Quando Pasqua viene di maggio. (Detto per avvenimenti impossibili ). 


 Chi ŝtate pizzichete da la srp ha pahihure pure di la rusciurt.

Chi stato morso dal serpente ha paura pure della lucertola

Chi magne sule zi strozze.

Chi mangia da solo si strozza


 Chi nin po vatte sacche, vatte sacchtte.

  Chi non pu battere sacchi, batte sacchetti. 


Chi tante li tere, li ŝtocche.

 Chi tanto  lo tira , lo spezza.


Chi te turte, strelle furte.

 Chi ha torto strilla forte.

 

Chi te dinde ni te pane e chi te pane ni te dinde.

Chi ha denti non ha pane e chi ha pane non ha denti.


Chi te la facce zi marete, e chi n, armane zete.

Chi ha la faccia si marita, e chi no, rimane zita.


Chi troppe cape, la scapatihure peie.

Chi troppo sceglie, lo scarto piglia.


Chi va nghi lu cioppe, zambare e ciuppuc.

Chi va con lo zoppo, impara a zoppicare.


Chiove a ple di vove.

  Piove a pelo di bue (acqua fine come una nebbiolina).


Chiove a piscete di iumunte.

Piove a pisciata di giumenta (acqua abbondante con vento).


Cunzueie di hilupue : vua pi li hallene . 

Consiglio di volpi: guai per le galline. 


2

Pagine

1  2  3  4  5  6 

HOME