www.sansalvoantica.it


Ogni mondo è paese, ma il mio paese è il mio mondo.
Fernando Sparvieri

Sfogliando pagine ingiallite dal tempo, ho incontrato mio padre.
Fernando Sparvieri

Sopr'a 'na culline tra li fiure
se trove stu paese 'ncantate,
sciabbindette chi ci l'ha piantate
loche chiù belle 'n pute' truvà.
Evaristo Sparvieri


Le poesie del maestro Evaristo


LU MERITE DI LU SACRASTANE
Uggenie lu suacrastane
di Evaristo Sparvieri





Allorchè il cielo diventava nuvoloso e minacciava tempesta con grandine, il Sacrestanonon esitava ad arrampicarsi sulla torre e suonare a distesa la campana.

La credenza popolare era quella(e forse esiste tuttora)che il suono della campana spazza via le nuvole, preservando la campagna da eventuali danni atmosferici, non conoscendo il vero significato che è quello di invitare i fedeli alla preghiera acciocchè la minaccia non incomba sui campi danneggiando o distruggendo il raccolto.



Nu jurne, ere‘na bella jurnate,

quanda esce d’arrete a Muntibbelle,

nu nuvulone nere ‘nzaittate,

che face’ pinza’ “Povra Miscardelle”.



Lu cafone, tutte spavintate,

diceve : “Viat’ a esse lu Cupelle

che z’affranche sta sgrannilijate”.

E intante piagne’ la vignarelle.



Ma Uggenie (ch’è brave sacrastane),

videnne ca la gente zi straziave,

pi poche‘n arspaccate la “ mizzane “.



La nuvula nere che z’avanzave,

pi nu colpe di vente z’alluntane,

e na voce va… ca Uggenie è brave.


Evaristo Sparvieri

San Salvo, Giugno 1947









La mizzane:campana media della torre campanaria.