www.sansalvoantica.it


Ogni mondo è paese, ma il mio paese è il mio mondo.
Fernando Sparvieri







Ma chi sarebbero li salvanése

I racconti di Fernando Sparvieri



Un po' di storia locale raccontando personaggi










Mastrángele

(Lu turciutaure de Don Ercoline)

(Fatterelli)

di Fernando Sparvieri

Succedeva ieri e succede ancora oggi.

La segnuruáme
, così erano chiamati i benestanti del paese, in un'epoca in cui i pagamenti avvenivano nghe lu staje (con lo staglio), erano gli unici che avessero disponibilità economiche immediate, ma al contrario di molta povera gente, come spesso succede, erano anche un po' carastìuse (avare).

Mastrángele
, il fabbro, lo sapeva. Al contrario dei contadini, infatti, che quando andavano a chiamarlo erano prodighi di ciuvulàzze (di gentilezze), invitandolo spesso nelle loro case o nelle masserie a pranzo, si era accorto che quando a chiamarlo erano invece i benestanti del paese, il rapporto umano con loro era piuttosto freddo, senza allegria e poesia.

Forse era questo il motivo per cui, quando a chiamarlo erano i signorotti del paese, egli, che aveva fatto dell'ironia popolare la sua compagna di vita, non perdeva occasioni per escogitare piccoli stratagemmi per divertirsi, quasi per prenderli in giro, come quella volta che venne chiamato, insieme a mio nonno Mastr'Andonie Sparvìre, falegname, da don Ercoline, discreto possidente terriero.

"Bongiorne!" li accolse don Ercolino, vedendoli arrivare. "Ténghe 'stu turcitore vecchie", aggiunse, "e prime da jttárele vulesse capi' se ze po' arcungia' " (Ho questo vecchio torchio per pigiare l'uva e prima di buttarlo vorrei sapere se vale la pena riaggiustarlo), concluse esprimendosi nella solita parlata, tipica dei signorotti del paese, in un dialetto arzicucculujéte (di lusso).

Mastrángele, sornione, diede un'occhiata al torchio e dopo un cenno d'intesa con mio nonno, gli rispose che avrebbero fatto un tentativo, anche se, spiegò, viste le pessime condizioni in cui versava, sarebbe stato quasi impossibilile riaggiustarlo.

Senza pattuire alcun prezzo, presero il torchio e lo portarono via.

In realtà lu turciutàure non era poi così malandato. Aveva solo bisogno solo di un po' di manutenzione. Mio nonno, con un po' di carta vetrata, gli diede una ripulita alle parti in legno, mentre Mastrángele, fece altrettanto alle parti meccaniche, lubrificandole a dovere.

A lavoro ultimato, dopo avergli rimesso la cére (la cera, nel senso che il torchio riprese un bel aspetto), decisero di riportarlo a casa del proprietario.

"Mast'Ando'!" (Mastr'Antonio!), chiese Mastrángele a mio nonno per strada. "Ma mo canda j'ama cerca' a don Ercoline pe qua'!" (Quanto gli vogliamo chiedere a don Ercolino per questo lavoretto).

"E canda j vu cercà'!", gli ripose mio nonno. "Ne j seme fitte quascie niende" (E quanto gli vuoi chiedere! E' stato un lavoretto da niente).

"Je' mo j cerche cenghe lere" (Io gli chiederò cinque lire), gli disse Mastrángele.

"Cenghe lére!" (5 lire!) esclamò mio nonno incredulo. "Ma no è troppe! Je' me n'abbruvugne" (Ma no è troppo! Io me ne vergogno).

Fecero altri venti passi e mentre mio nonno credeva di aver convinto l'amico a chiedergli di meno, ecco Mastrángele parlare di nuovo:

"Mastando'! Je' si' che te deche a tà? Je' mo j cerche déce lére" (Mastr'Antonio! Sai cosa di dico? Io gli chiederò 10 lire).

"Dèce lére!", esclamò mio nonno ancor più esterefatto. "E' già troppe cenghe lére e ti mo j ne vu' circa' dece! (Sono già troppe 5 lire e adesso tu gliene vuoi chiedere 10!).

E intanto continuavano a camminare. Altri venti passi e Mastrángele parlò di nuovo: "Masta'Ando'! Je' mo' j cerche quenece lére, anze vente" (Mastr'Antonio. Io, gli chiederò 15 lire, anzi 20).

"Ma ti si stuputéte" (Ma sei impazzito), gli rispose mio nonno, augurandosi che Mastrangéle, come suo solito, stesse scherzando.

Arrivarono finalmente a destinazione.

"Ue' bongiorne" (Buongiorno), disse loro don Ercoline appena se li vide arrivare in casa. "Allore canda vaja da'? (Allora quanto vi devo per il lavoro svolto?), aggiunse non nascondendo il suo stupore nel rivedere il suo torchio, bello, ripulito, come nuovo.

Mastrángele, con faccia seria, calmo, dopo apparente meditazione, gli rispose: "Haésse, Donn'Ercolì' c'ha vulute 'na fatijaccie. Seme stite atturne a 'ssu turciataure cenghe jurne, sène, sène" (Per rimettere a posto questo torchio c'è voluta una bella faticata. Siamo stati impegnati per questo lavoro cinque giorni, interi). E poi sparò il prezzo. "Pe 'ssa fateje, Donn'Ercolì', jste ca si' segnuré, ciavo' véntecenghe lére" (Per questo lavoro e per rispetto a voi ci vogliono 25 lire).

"Subbete! Subbete!!!" (Pago subito), gli rispose don Ercolino. Andò al piano di sopra e dopo un po' ridiscese con 25 lire.

Mio nonno rimase senza parole. Ma restò ancor di più di stucco, quando don Ercolino esclamò: "J veramente penzave ca me ze ne jave per lo minime cinquande lire. Brave! Sete fatte nu bbelle lavore. So' cuntende" (Io veramente pensavo che avrei speso minimo 50 lire. Bravi! Avete fatto un bel lavoro).

E sempre don Ercolino, un'altro giorno, mandò a chiamare Mastrángele, perché doveva parlargli.

Mastr'Angelo lasciò arme e bagaje (ciò che stava facendo) e si recò a casa di Don Ercolino. Salendo la gradinata che portava all'abitazione al primo piano, trovò, poggiata, su un gradino, una vecchia chiavetta. La prese e se la mise in tasca, pensando che fosse una chiavetta inservibile, buttata lì chissà da quanto tempo.

Don Ercolino, appena lo vide, gli disse disperato: "Mastr'A'! Haje pérze la chiave de 'sta casciétte! Ze po' rfa' la chiave?" (Mastr'Angelo! Ho perso la chiave di questa forzierino. Si può rifarne una uguale?)

Mastr'Angelo, ben sapendo che era impossibile rifarne una copia uguale, non avendo l'originale, guardò il forzierino e subito intuì che probabilmente quella chiavetta che aveva trovato per le scale, doveva essere proprio quella che don Ercolino aveva smarrito.

"E nu poche difficéle a'rfarele", gli rispose. "Però ci puzze spruvuà" (E' un po' difficile rifarla, però posso provarci).

Facendo il finto tondo, si fece portare un po' di farina, la impastò con un po' d'acqua, e la mise dinanzi alla buco della serratura del piccolo forziere, prendendone l'inutile impronta esterna. Poi salutò don Ercolino e se ne tornò in bottega, dove tirò fuori la chiavetta dalla tasca e le ridiede una lucidatina.

Dopo qualche giorno, tornò a casa di don Ercolino.

"Ecche! So' rfatte la chiàvàtte" (Ecco! Ho rifatto la chiavetta), disse a Don Ercolino appena lo vide "Speriame ca va bbune?" (Speriamo apra), aggiunse mostrandogliela.

Infilò la chiavetta nella serratura ed il piccolo forziere, dopo due giri di chiave, si aprì.

Ti' le mane d'ore! Ti' le mane
d'ore!" (Hai le mani d'oro), iniziò a complimentarsi con lui don Ercolino, raggiante di felicità.

Non so se si fece pagare lautamente anche questa volta. Una cosa è certa: quando raccontò l'accaduto a Mast'Andonie, per poco non crepò di risate.

Succedeva ieri e succede ancora oggi.

21 Gennaio 2022










I racconti di Fernando Sparvieri

Indice

Gente, usi e costumi del mio paese



Un libro sul web

MA CHI SAREBBERO
LI SALVANESE

di Fernando Sparvieri

Indice

I forestieri a San Salvo



I racconti del mare

I pionieri del mare ed altro


di Fernando Sparvieri
Indice

Emilie de Felicìlle
(Emilio Del Villano)















|
Sito culturale paesano storico dialettale
www.sansalvoantica.it