www.sansalvoantica.it


Ogni mondo è paese, ma il mio paese è il mio mondo.
Fernando Sparvieri







Ma chi sarebbero li salvanése

I racconti di Fernando Sparvieri



Un po' di storia locale raccontando personaggi










Mastrángele

(E ti' lu fucéle!)

(Fatterelli)

di Fernando Sparvieri

Un altro aneddoto di Mastràngele, il fabbro, che come ho già avuto modo di descrivere nel capitolo precedente, aveva un carattere ironico, sempre in vena di battute pungenti, oltreché essere un buongustaio, accade un 16 agosto, quando, insieme a Mastr'Andonie Sparvire, mio nonno, falegname, suo intimo amico, si recò, alla festa di San Rocco, Protettore di Cupello. Era per loro, ogni anno, un appuntamento imperdibile, così come lo era per tanti sansalvesi, che vi si recavano a piedi, percorrendo scorciatoie e viottoli di campagna, passando accanto alle mura del vecchio cimitero di San Salvo.

A dire il vero a Mastràngele, interessava poco de Sandrócche (di San Rocco) e della sua festa. Scopo della missione, non era né la messa, né la processione e né sentire la banda. Il motivo principale era quello di farsi una scorpacciata di porchetta, per la quale nutriva una grande predilezione, insieme alla ventricina.

Insomma, come recita quel detto popolare: "Quésse fa gne Sandarélle, pe 'na magnate va a lu Cupélle" (Costui fa come Santina, per una mangiata va a Cupello), anche Mastràngele, se ne andava a Cupello per farsi una mangiata. Altro detto popolare famoso di quel periodo, che non si addiceva però a Mastrángele, che andava solo alla festa di Cupello, era il seguente: "Ue'! Me simbre Giuseppe Langiane" (Ehi, mi sembri Giuseppe Lanciano), che si riferiva ad un altro personaggio, forse lancianese, gran festaiolo, notissimo perchè dove era festa lì lo si incontrava, anche a San Salvo.

"Ué! Tajele a lu ciundréne quasse" (Ehi! Taglia la porchetta all'altezza della cinta), diceva Mastrángele al venditore di porchetta, quando andava a comprarla. In pratica preferiva mangiarne una porzione tagliata alla pancia del maiale, nella parte che, paragonando il corpo del suino a quello umano, è quella in cui si allaccia lu ciundréne, cioè la cinta dei pantaloni.

Mi raccontò mio padre che negli anni '30, in una di quelle feste di San Rocco a Cupello, mio nonno portò con sé anche lui e suo fratello maggiore Antonino, ancora ragazzini. Naturalmente Mastrangéle era il capo spedizione.

Stettero lì tutto il giorno. Al buio, presero la via del ritorno. Com'era loro consuetudine, Mastrángele e mio nonno, prima di rientrare a casa, si fermarono sotto a 'na cerche (una quercia) a due passi dal muro di cinta del cimitero di San Salvo. Lì, da sempre, nonostante l'ambiente lucubre, da far paura, facevano tappa per mangiare le ultime scorte di porchetta, che avevano comprato a Cupello, e bere gli ultimi bicchieri di vino.

Successe, quella notte, che mentre erano lì a mangiare, a pochi metri dal muro del cimitero, sentirono in lontananza un suono cadenzato, simile a quello di una campanella ... ndin... ndin... ndin ... avvicinarsi sempre più verso di loro.

"Quesse è Ntonie de Rucchiccie ch'arve' pure hasse da la feste a lu Cupelle" (Dev'essere Antonio Mastrocola che sta tornando anch'egli dalla festa di Cupello), disse Mastrángele.

Ntonie de Rucchiccie
era un falegname, cacciatore nato, che non si separava mai dal suo fucile, che si era portato dietro anche quel giorno a Cupello. Mastrángele lo conosceva bene e sapeva anche che quel tintinnio, che si udiva a distanza, era provocato da una gavetta in alluminio, che egli portava sempre allacciata con uno spago ad un passante laterale della cinta dei pantaloni. Ad ogni passo che faceva, marciando, la gavetta batteva al calcio del fucile e provocava quel suono metallico.

Quel tintinnio cadenzato intanto... ndin...ndin...ndin...ndin..., nel buio e nel silenzio più assoluto, si avvicinava sempre di più verso il cimitero e verso di loro, facendosi sempre più forte.

"Ue'! Stateve zette" (State zitti), disse Mastrángele, quando quel suono arrivò a pochi metri da loro, ed all'improvviso diede due colpi di tosse, come quando si espelle il catarro.

La campanella din... ndin..., accellerò all'improvviso il suo ritmo... din din din din din din din din din din din din, ed in pochi secondi quel suono si allontanò velocemente dal cimitero.

"E ti lu fucéle!" (Ed hai il fucile!), esclamò Mastrángele, alludendo al coraggio di 'Ndonie de Rucchiccie.

21 Gennaio 2022






I racconti di Fernando Sparvieri

Indice

Gente, usi e costumi del mio paese



Un libro sul web

MA CHI SAREBBERO
LI SALVANESE

di Fernando Sparvieri

Indice

I forestieri a San Salvo



I racconti del mare

I pionieri del mare ed altro


di Fernando Sparvieri
Indice

Emilie de Felicìlle
(Emilio Del Villano)















|
Sito culturale paesano storico dialettale
www.sansalvoantica.it