WWW.SANSALVOAntica.IT




Le canzoni del maestro Evaristo.  


Vai al video

La Passione 

 

Ripristinata nel linguaggio, nella forma e nel contenuto, quasi al 100% da Evaristo Sparvieri, (dietro forte sollecitazione da parte di Nicola Iannace) poiché, il testo originario, per deformazione popolare o per altro, aveva subito profonde modificazioni per cui il significato, diventato incomprensibile, non è stato affatto possibile riportarlo alla primitiva versione.  

 

1

 

La sittimmana sante

né zi ride e né zi cante ,

e nu’ pi divuzione

jame candenne la Passijon.

 

2

 

Z’è preparate l’ore

di lu vere grand’ amor

Gesù  con cuor sereno,

le pene affrontò.

 

3

 

All’orte di l’ulive

verze  sere ze n’andò,

addo’ lu tradimente

di Giude l’aspettò.

 

4

 

Pi trenta e chiù dinari

Giuda ‘n fronte lo baciò,

e mmane a li nimice

lu Maestre consegnò.

 

5

 

Come nu malfattore,

fu ligat’e ncatinate

e annanze a lu Pretore

a spintune fu purtate.

 

6

 

Picchè ‘n tineve colpe

fu nucente dichiarate:

la folle ‘mbistialite,

li vuleve cundannate.

 

7

 

Allore fu purtate

da Erode e da Pilate,

che, senza dicisione,

li mani z’allavate

 

8

 

Z’è fatte la sentenze

e Gesù fu condannate

a lu poste di Barabba

che è state libberate.

 

9

 

Legate a ‘na colonne

e  a sangue flaggillate,

a la folla ‘nfirucite,

a cuscì fu prisintate.

 

10

 

Nghi na canne ‘mmane

e  di spine ‘ncurunate,

è state sputacchiate

e da tutti beffeggiato

 

11

 

La pesanta Croce

nghi dulore traspurtò

sopr’a lu Calivarie

addò la morte l’aspettò.

 

12

 

‘Nchiudate man,e piede

nghi la croce fu nnalzate,

a mmezz’a du’ ladroni

puri essi cundannate.

 

 

13

 

Picchè aveve sete

l’acqua allora si cercò:

d’  acete e di fiele

la sua bocca zi bagnò.

 

14

 

Prime che suspirasse

testamente priparò

e Maria addullurate

a Giuvanni l’affidò.

 

15

 

A la ventuna ora

il suo capo reclinò,

e l’alma santa e pura,

a Suo Padre ritornò.

 

16

 

A li ventidu’ ore

il Longino gli scagliò

la lancia nghi furore

e lu pette gli squarciò

 

17

 

A li ventitrè  ore

da la Croce si calò:

Maria con dolore

il Suo figlio riabbracciò

 

18

 

A li ventiquattro ore

a la tomba si portò:

ci hai dato il tuo amore

nostro caro Redentor.

 

 

19

 

Lu vennardì è morte

e  a Pasque arsuscitò;

grazie a lu Signore

che il peccato ci levò.

 

20

 

Giuda pi pendimente

a‘na quercia z’impiccò,

e l’alma sua malvagia

a l’inferno sprofondò

 

21

 

Bona sere signora padrona

si ci vu dà nu pare d’ove,

fa preste e non tardà

che ci-abbiamo da caminà :

 

22

 

Salutiame tutti quanti

amicizie e vicinate

e a tutti  auguriamo

Buona Pasqua e ce n’andiamo.