www.sansalvo@ntica.it
HOME

La poesia del maestro Evaristo

indice poesie








Sopra na culline tra le fiure

se trove stu paese 'ncantate

‘NA  MISCARATE
AUDIO

Fino a pochi decenni fa, e precisamente quasi fino alla  conclusione del secondo cinquantennio del 1900,a San Salvo, durante il periodo del “carnevale” non vi erano maschere spicciole, ma solo  quelle  a gruppi organizzati ,che in ogni domenica e nell’ ultimo  giorno  del “carnevale   stesso”   facevano  il  giro  per  il  paese,  con   fermate prestabilite, esibendosi in canti o scenette comiche di vario   genere, creando, nel paese,  un’insolita atmosfera di festa e di allegria.

 

 

Ascive Pugginelle la matine,

nghi ‘na scuffietta rosce nghi lu fiocche,

nghi nu “tripuline” appicciate mmocche,

curreve pi pijà li “signurine”

 

La rihunione di li miscarate,

zi faceve a la case di “Caffittire”.

addo’, prime di cumunza’ lu gire,

a la parte j zi dave ‘n’arpassate.

 

Quand’ere tutte pronte z’asci’ fore,

e zi face’ ‘na file gne ‘na spose,

cummannave “Pizzute”, chi lu smurfiose,

chi te’ la case pi la Piana fore.

 

Annanze a tutte jave Pugginelle,

pi fa fa’ larghe, nghi nu nerve mmane:

ere nu brav’e bone cristijane:

Zi chiamave Vitale Niciarelle.

 

Pu… nghi la “dubbotte”jave Caddane,

che sunave polch’e tarantelle;

ugne tante j arrivave ‘na friselle,

pi scherze, da nu fije … di Pahane.

 

Appresse ‘na filare di “Signure”,

jave nghi cibbusse, ucchial’e zannelle;

e ci stave “Jseppe Rasannelle”

che purtave lu cappelle nghi li fiure.

 

La prima firmate ere a lu Cummune,

annanze a lu Sinache e l’Assissore:

e queste zi face’ di da’ unore:

a li ricche a l’artire e li cafune.

 

Subbite doppe cumunza’ lu gire

pi li piazze, li vjie e li ruelle:

lu paese ere tutte nu ribbelle,

e ‘n certe mumente pare’ ‘na fire.

 

Zi jave a canta’ vicin’a li case

di l’amice, parent’e vicinate,

e mmezz’a chi la squadra urganizzate,

‘n ci mancave ma’ cacche “ ‘mbracase”.

 

Zi gira’ a cuscì pi tutte la jurnate,

fine a doppe che cala’ lu sole,

tra vine cotte, bianch’e cirasole,

paste di Za’ Moniche e cicirchiate.

 

Ma doppe, la sere vini’ lu belle:

ere tutte ‘na cunfusione:

zi bive’ lu vin’a lu carrafone,

e zi magna’ li sagne a crepapelle.

 

Cusci’, tra cante, rise e cuntuntezze,

zi divirtive la povera gente:

passavene, a cuscì, unestamente,

nu jurne piene di spinziratezze.

 

Evaristo Sparvieri

 

San Salvo, febbraio 1954