www.sansalvo@ntica.it
HOME

La poesia del maestro Evaristo

indice poesie








Sopra na culline tra le fiure

se trove stu paese 'ncantate


LU  PURCHETTE  DI  SANT’ ANTONIE
AUDIO
 

Si usava una volta, a San Salvo, che spesso i contadini facevano dono a Sant’Antonio Abate, di un porcellino che, lasciato libero, girava per il paese, usufruendo del rispetto e dell’aiuto necessario alla sua sopravvivenza.

Il maialino ,diventato adulto, veniva venduto all’asta ed il ricavato andava a beneficio della Chiesa.

       

 

 

‘na vodde pi li vi’ di lu paese

jave giranne, spesse nu purchette;

e tutti j facevene li spese,

picchè ere sante e benedette.

 

Ere lu purchette di Sant’Antonie,

che cadune a lu Sante ave’ dunate:

a chi lu Sante… che nghi lu dumonie,

ci parlave e ci face’ a mmazzate.

 

Magnave sempre: sempre a crepapelle:

zi ‘ngrassave gne nu porche che ere:

e fini’ di trita’ li fafarelle,

sole quand’ avè 'rrivate la sere.

 

Pi lu ricette, pu’,ere lu belle,

ca nun ci stave prubleme di sorte:

z’addurmive sott’a nu biancatelle,

o dentr’a ‘na case:  arret’a la porte.

 

Videnne pi la vi’ chi lu purchette,

zi pinzave a lu Sante puvurelle,

e cadune, purtanneje rispette,

zi cacciave schininze lu cappelle.

 

E quanda s’ave’ fatte gross’e grasse,

z’arriffave proprie annanz’a la Chiese:

suna’ la bande, ‘mmezz’a lu fracasse,

e face’ feste tutte lu paese.

 

Ma la fame è state sempre nere:

ti fa’ scurda’ di Dije e di li Sante,

‘n ti fa riflette… e pu  j’ ‘n galere:

e nun ti crede ca civo’ tante.

 

A cuscì ‘n anne , è state ‘na disdette:

lu purchette chiù nun z’è truvate:

hanne perze, pi esse,  lu rispette,

e a “ciff’e ciaffe” zi l’hanne magnate.

 

Evaristo Sparvieri