www.sansalvo@ntica.it
HOME

La poesia del maestro Evaristo

indice poesie








Sopra na culline tra le fiure

se trove stu paese 'ncantate

LI SOME DI  SANTI  VITALE

AUDIO

Le some di San Vitale

 

Dopo che il grano, offerto dalle famiglie  sansalvesi, per la  produzione  dei  cosiddetti  “Porcellati”  relativi  alla festa di San Vitale Martire, veniva lavato ed asciugato al sole sul  muraglione  di  via  Fontana  Vecchia ,  veniva caricato  su  cavalli   (abbelliti  con   nastri , merletti e fiocchi colorati) e portato  al  Mulino  Pantanella, dopo aver ricevuto la benedizione del Parroco nella  piazza antistante la Chiesa .

Il paese si metteva in festa, sia alla partenza delle” some” (così erano chiamate) e sia al ritorno, le  campane  della Chiesa  suonavano  a  distesa richiamando  i   fedeli  alla festosa e suggestiva cerimonia.

Da questa manifestazione è nata la tradizione delle “sagne al  mulino”  tuttora   esistente,   ma   con   procedimenti  e  significati  completamente  diversi  da   quelli  che  erano le usanze e le abitudini dei nostri cari antenati.

  
Zi cumunzave preste la matine,

nghi lu sone di campane a distese:

zi mitte’ ‘n feste tutte lu paese,

pi lu grane che jave a lu muline.

 

Li cavalle, che ere ‘na vintine,

abbillite di fiure e nastre appese,

partivene proprie annanze a la Chiese,

e la cuntuntezze  ‘n tine’ cunfine.

 

Zi jave a lu Muline Pantanelle,

che zi truva’ vicine a la Stazione:

proprie sott’a lu passagge a livelle.

 

E ‘n gi mangave chi  pe’”divuzione”

z’affilave pure esse appress’a quelle,

sole pi magna’ “sagne”a crepapelle.

 

Evaristo Sparvieri

 

San Salvo, aprile 1952