www.sansalvo@ntica.it
HOME

La poesia del maestro Evaristo

indice poesie








Sopra na culline tra le fiure

se trove stu paese 'ncantate


LA  PIPIZZERA
AUDIO
La pipizzera.

Era usanza che il Mugnaio dell’antico mulino ad acqua denominato “Pantanella” sito in San Salvo Marina, dopo aver macinato il grano destinato alla produzione dei  cosìddetti “Porcellati” per la  festa  di San  Vitale  Martire  (Protettore  di  San  Salvo), donasse  al  Santo la “Pipizzera”.

Era costituita da pagnottelle di pane azzimo di varie forme attaccate ad un’asta , e abbellita con nastri e carta colorata.

La “Pipizzera” veniva portata in giro per il  paese per  far  sì  che   le  famiglie  dessero le loro offerte, onde partecipare all’estrazione  di essa il giorno dell’”ottava “ di  San  Vitale  e  precisamente il cinque maggio, (prima festa di San Michele a Vasto).

Il giorno in cui  avveniva l’estrazione della  Pipizzera  il  paese  era in festa e la famiglia, a cui essa andava, veniva considerata fortunata perché la scelta era avvenuta per volere di San Vitale.

  

Ere fatte di pane senza sale,

a pagnuttelle tutte appezzutate,

appiccicate a ‘na specie di pale,

sopr’a tre tavele (manche allisciate).

 

Esse… ere ‘n’ufferte a Santi Vitale,

di lu muline ch’ave’macinate

chi lu grane (binidette e spiciale)

pi farci “sagnitelle e purcilate”.

 

E doppe ‘na dicine di jurnate

ch’ave’ girate pi tutte lu Paese

e che la gente z’ave’ “signate”,

 

zi”tirave” (tra alligrije e risate,

spare di bomme e campane a distese),

proprie annanze a la porte di la Chiese .

 

E pi da’ unore a Santi Vitale,

zi bive’ vine … a cime di vicale.

 

Evaristo Sparvieri