www.sansalvo@ntica.it
HOME

La poesia del maestro Evaristo

indice poesie








Sopra na culline tra le fiure

se trove stu paese 'ncantate

LA CUCAGNE
AUDIO

Durante le feste patronali sansalvesi, fra i divertimenti popolari, non mancava quasi mai “la cucagne” che consisteva nel mangiare i maccheroni, carichi di peperoncino cocente (lazzaretti) non con le posate, ma direttamente con la bocca avendo, i concorrenti, le mani legate dietro la schiena.

La gara si svolgeva sopra la cassarmonica, al centro della piazza principale, ed i concorrenti erano, spesso , sempre gli stessi per cui tra di loro esisteva il cosiddetto “attrito”, rendendo la sfida sempre più interessante e pervasa da sentimenti di vincite e di rivincite.

Il popolo partecipava con molto entusiasmo, dividendosi in simpatiche fazioni, parteggiando, ognuna, per il proprio beniamino.

Quand’arrive ‘na fest’ a stu paese,
z’ha da rifa’ pi forze la” cucagne”:
se ‘n vu’ sinti’:”Li sold’addo’ z’è spese?”
e se vu’ che la gente nun zi lagne.
.
E cuscì,a li tre di la jurnate,
ti vede, sopra la casciarmoniche,
(sopr’a nu tavuline scunucchiate)
quattre piatte, quasi senza ’ntoniche
 
piene di maccarune ‘ncuciantite:
l’hanne caricate di “lazzarette”,
picchè quelle chi guarden’ ha da rite,
vidennel’a magna’ zenza furchette.
 
Quanda tutt’è pronte, nu dubbutate,
zi fa avante e ‘nvite chi vo’ ‘ppartine’:
ma già zi sa’: è gne l’anne passate,
picchè ci sta ‘n attrite… e za da vide’

Zi prisentene a chi la chiamate:
Vitale Caddane (chi lu spaccone),
Niciarelle (ch’ha già mezze magnate)
e Zi’ Zaccaje, (nghi nu pichirone!!!)
 
Pure lu marite di ”Trapenarelle),
zi segne p’appartine’ a la cucagne:
te’ ‘na fame, te’ vudde li videlle
e nun penze a vince… baste che magne.
 
Quanda tutt’è pronte, a nu cenne date,
z’afranchene, pi Criste gne li cane:
Niciarelle magne, ma nghi ‘n’ ucchiate,
cuntrolle che fa Vitale Caddane.
 
E ci sta quelle, chi lu puvurelle,
quelle che j lome dice ”Zaccaje”,
fa casca’ tutte chi li sagnitelle,
picchè a lu piatte ci sfruscijaje.
 
Vo vince, ca vo’ guadagna’ ca lire:
ma sta Rocche, lu cape dibbutate,
che j armette li maccarune a “tire”,
e cuscì, l’ha da magna’ ‘mpruvuliate.
 
Di botte zi sente nu sbattamane:
“Ch’è successe? Niciarelle ha pulite.
Zi fa scioje, nghi pruntezze, li mane ,
e dice a quelle ch’hanne assistite:
“Signori mije, j’ soffre di panze:
ne m’importe s’haja cripa’ dumane:
baste che ‘n te’ ‘na parole d’avanze,
stu spaccone di Vitale Caddane”.
 
Evaristo Sparvieri