www.sansalvo@ntica.it
HOME

La poesia del maestro Evaristo

indice poesie








Sopra na culline tra le fiure

se trove stu paese 'ncantate

LA  CARRIRE DELL’ASINE
AUDIO
  

Ogni anno, a San Salvo, in occasione dei festeggiamenti in onore di San Rocco, (17 e 18 settembre) non poteva mancare la “Corsa degli asini”.

Si percorreva la strada in salita di Via Fontana vecchia, con partenza dalla zona detta “La Madonne“ fino alla casa di Michelino Fabrizio (detto Crapacotte).                                                                

Era una manifestazione spettacolare, in quanto gli asini, non abituati alle  competizioni   sportive,  non  potevano  capire  di  che  cosa  si trattasse e andavano avanti a forza di randellate inflitte dai partners dei fantini corridori.                                                                                

La La gente si divertiva, ed arrivare “primo”, era un vanto, non solo per l’asino vincitore, ma principalmente per  il suo fantino  e il suo proprietario i quali ricevevano complimenti e congratulazioni per una così importante vittoria conseguita.

 

Ammonte pi la vi’ di la funtane,

zi faceve ‘na corza rinnumate:

zi face’ nghi l’asine paisane,

che jave annanze a forza di mazzate.

 

A “La Madonne” ere la partenze

e lu traguarde ere a “Crapacotte”,

e spesse ci curreve Rocche Spenze,

Macirate e Micchele di Baffotte.

 

Quasi sempre vingeve la carrire,

l’asine di Nicole Turturille:

muntate da nu certe” Carruzzire”,

e zi curreve tra fracasse e strille.

 

Ma gna z’arrivave dritte a la fonte,

spesse succideve ‘na cosa strane:

taccarate e saiuccate ‘n bronte,

a chi j’ vule’ a beve a la funtane.

 

E mmezz’a li mazzate e turturanne,

(affruntanne tutte chi lu dulore)

ci stave ch’ammurrave e ‘nzanganate

sfunnave… e jave a la buviratore.

 

L’asine che vince’ la carrire

vini’ purtate ‘n trionfe a lu paese;

pi premie j zi dave ‘na bandire,

ch’a ‘na mazze, pi longhe, stave appese.

 

Doppe, accumpagnate da la bande,

(che ti  sunave la Marcia Riale),

vinive arcuperte nghi nu mmante,

e purtate a la piazza principale.

 

A ecche, sbattamane a nun finije,

fiure e cumbitte j zi jttave ‘ ngolle:

la pijazze ere tutte ‘n alligrije,

e la gioje tuccave lu midolle.

 

L’asine, a mezz’a tutte stu baccane,

‘n zi rindeve conte di la quistione:

zi guardave atturne gne ‘n alimane:

proprie gne ‘n asine a mezz’a li sone.

 

E la gente zi divirtive, e pi esse,

ere nu divirtimente ginuine;

e zi finive la matin’appresse,

a ffa’ bicchijre dentr’a la cantine.

 

Evaristo Sparvieri

 

Settembre 1954