www.sansalvo@ntica.it
HOME

La poesia del maestro Evaristo

indice poesie








Sopra na culline tra le fiure

se trove stu paese 'ncantate


L'ARRIFFE

(A la feste di Sant Rocche)

AUDIO

                                                        

Il giorno delle feste patronali,  a  San Salvo,   venivano   venduti, all’asta  pubblica,  i  doni  casarecci , che le   famiglie   offrivano unitamente agli  oboli  in  moneta,  per   far   fronte   alle    spese necessarie per lo svolgimento delle feste stesse.

I doni venivano depositati sulla cassarmonica e c’era il banditore che con la sua tromba a corno  ottonata,  annunziava  il  prodotto, il prezzo iniziale  ed anche il nome di chi l’aveva donato.

 

 

 

“ A sessante!!! A settante!!! A cente!!!

Certe strille arrivene da luntane.

Allore, m’avvicine piane piane:

“Ueh! …Zi fa l’arriffe… e quanta gente”.

 

Paulucce ‘n arfiate nu mumente;

strille nghi ‘na butti’ di vine mmane,

e dice: “Queste è di lu Capitane,

è marsale, fatele stu spruvente”.

 

Niciarelle, ch’aspette già da  ‘n’ ore,

li pache milli lire (core chi scrocche!!!)

ma “ è bone “dice’ lu bannitore.

 

La lingue j si fa gne ‘na mazzocche;

vomete e dice nghi nu fucore:

“Paulu’ , t’haja fa  ‘rcurda’ Sant Rocche”.

 

Sparvieri  Evaristo

 

San Salvo, Dicembre 1947