WWW.SANSALVOAntica.IT



Mastro Luigi 


MASTRO LUIGI

Mastro Luigi i Iorio

  La vita è un'illusiono fesso


LO STUPIDO DI SAPERE 

Mastro Luigi quando si imbatteva con qualche persona saputa, che credeva di sapere tutto lui e di capire tutto lui, così lo definiva in italiano: “Quesse è uno stupido di sapere!”.

E PARLATE GNA L'AMMENDATE CRESTE!

Durante la 2^ guerra mondiale  Mastro Luigi sentendo gli inglesi parlare naturalmente in inglese, così se ne uscì: ”E parlate gna parlave Creste!”  (trad. E parlate come parlava il Cristo). Per lui Cristo parlava a “la salvanase” (in sansalvese).

NON SI RATTIEN LO STRANO QUANDO DALL’ARCO USCI’

Mastro Luigi da qualcuno aveva sentito la famosa frase di Pietro Metastasio: “Non si trattien lo strale quando dall'arco uscì” ed ogni tanto lo ripeteva ai presenti mentre lavorava nella sua bottega, dicendo in questo modo: “Non si rattien lo strano quando dall’arco uscì”.

Un giorno gli chiesero: ”Mastre Luè!  Ma che segnefeche?”  trad.  (Mastro Luigi! Ma cosa significa?) 

 “Lo strano”, spiegava, “ è lu struanze” (è lo stronzo). Canda è sciute fore ne l’arfecche chiu’ dantre!” (trad. Quando è uscito fuori non lo rificchi più dentro).

ALTRO CHE STRALE!!!  

UE'! A MA MI SA' CA SI MAMMUCCIE A NI  J'ARFRECHE

Un tempo, quando non c'era la televisione, l'unico svago era il cinema. A San Salvo in quel periodo non vi era nessun cinematografo e quindi i giovani, con le bicilette, si recavano al politeama Ruzzi di  Vasto per assistere a qualche film (javene a lu cineme). 

Mastro Luigi, una sera, durante una proiezione, disse all'amico che gli sedeva a fianco: "Uè! A ma mi sa ca a nì si mammuccie j'arfreche" (trad. A me mi sa che  questi mammocci che vediamo sullo schermo  ci rifregano).

IL MESTIERE DEL PRETE

campanile  


Mastro Luigi abitava proprio sotto il campanile della chiesa e quindi, per via delle campane che gli suonavano sin dalla nascita sulla testa, aveva per il prete sentimenti contrastanti. Da un lato lo rispettava per il fatto che era un' autorità religiosa, in grado in qualche modo di garantirgli il passaporto buono per l'aldilà, e dall'altro assumeva nei suoi confronti atteggiamenti scherzosi con frasi ironiche, paragonandolo ad un comune commerciante.

Una volta, riferendosi a Don Cirillo che passava dinanzi alla sua bottega, ironicamente disse: "Quesse! Lu predde! Vanne le chiecchiere." (trad.Quello! Il prete! Vende le chiacchiere).

Un'altra volta invece, riferendosi al fatto che i fedeli facevano le offerte per aggiustare la chiesa o per comprare ad esempio le candele, disse: "Lu predde a la puteca sò cia da pinzà asse, picca a la puteche ma ci penze je! A ma se me ze rampue la frucie miche ve deche:<<Uè me ze ratte la frucie faciate na culluatte!...  Me l'arcatte je e zette>>" (trad. Il prete alla sua bottega ci deve pensare lui perchè alla mia bottega ci penso io. A me se mi si rompono le forbici mica vi dico: "Uè, mi si sono rotte le forbici fate una colletta! Me la ricompro io in silenzio".

Sempre restando nel tema, in un'altra circostanza disse: "Je ne capesce piccà a la Chiscie, ni a ma fa tutte qualle che fa lu predde! Ze fa lu suagne de la craucie e ze l'ama fa puri ni! Z'agginucchie e z'ama 'nginucchiè pure ni! Dece li prihire e l'ama dece pure ni!". Poi concludeva: "Pi ma lu predde lu suagne de la craucie ze la da fa sole asse, za da 'ngenucchiè  sole asse e li prihire l'a da dece sole asse piccà è lu mistire sò! Stame fresche se a la puteche ma je taje 'nghe la frucie e tutte vi avete tajà 'nzimbre a ma o je chiusce e vi avete cuciè 'nzimbre a ma!"(trad. Io non capisco perchè in Chiesa noi dobbiamo fare tutto ciò che fa il prete. Si fa il segno della croce e ce lo dobbiamo fare anche noi, si inginocchia e ci dobbiamo inginocchiare pure noi, dice le preghiere e le dobbiamo dire anche noi. Per me il prete il segno di croce lo dovrebbe fare da solo, si dovrebbe inginocchiare solo lui  e le preghiere dovrebbe dirle da solo perchè quello è il suo mestiere. Stiamo freschi se alla mia bottega io taglio la stoffa con le forbici e voi dovete tagliarla insieme a me oppure io cucio un vestito e voi dovete cucire insieme a me).

                                                                                    Fernando Sparvieri

                                         Vai ad altri aneddoti di Mastro Luigi (n.2)