WWW.SANSALVOAntica.IT


TORNA ALLA BACHECA DI FERNANDO SPARVIERI


I Racconti di Fernando Sparvieri

(Leone Balduzzi)  



BALDUZZI
di Fernando Sparvieri


 Leone Balduzzi

Il 25  Aprile Leone Balduzzi, compie gli anni.  Auguri Cavaliere!!!

E’ molto difficile per me parlare di Leone Balduzzi, il cavaliere. Sono troppe le cose che mi legano a Lui: dai ricordi spensierati della fanciullezza all’affetto sincero e profondo, contraccambiato, che nutro  per la sua persona. Ricordo che da bambino, mio padre, da sempre suo amico intimo, mi portava con se in C.so Umberto I, davanti al negozio di Leone Balduzzi, Lillino per i sansalvesi, ove insieme trascorrevano ore intere a parlare e scherzare.

Da adulto ho avuto il piacere e l’onore di diventare io stesso amico di Leone ed ho finito per apprezzarne le innumerevoli doti artistiche, ma soprattutto umane.

Poeta, musicista, autore di autentici capolavori musicali come “Sante Salve belle”, canzone dalla linea melodica soave e perfetta, in cui le note si susseguono ognuna annunciando l’altra, o come l’ “Inno a San Vitale” canzone di una semplicità geniale ma di grande spiritualità,  Balduzzi a mio avviso può essere considerato il poeta dal grande cuore che parla al cuore della gente.

Da sempre amante dell’arte, ha avuto il grande merito di essere mecenate negli anni 80 del complesso bandistico “Città di San Salvo”, di cui ne è Presidente onorario, spronando il maestro Fabrizi Fiorentino a creare la banda della sua San Salvo, in un periodo di assoluto silenzio musicale.

Io, personalmente, ho avuto il piacere di dirigere per un quinquennio la “Corale 50 e più”, realizzata e voluta fortemente da Leone, e stando più a diretto contatto con Lui, ho potuto apprezzare ancor più da vicino il suo impegno artistico, che nasce da una sua profonda esigenza interiore, frutto della sua sensibilità d’animo.

E parlando di sensibilità d’animo, cioè di quel qualcosa che è intimo del proprio io e che è difficile da  scrutare negli altri, io, che l’ho conosciuto e lo conosco da vicino, credo di poter affermare che l’arte di Balduzzi nasca dal profondo del suo animo buono, pervaso da una profonda spiritualità  che lo distacca, nel momento della composizione artistica, da ciò che è il mondo terreno per trasportarlo verso un’ altra dimensione, in cui regna assoluta la poesia.

Autore di libri di poesia in vernacolo e di canzoni folcloristiche, densi di profonda nostalgia per il tempo della sua giovinezza, Balduzzi ripercorre nelle sue opere i sentieri della memoria, dando voce alla sua principale passione di cui ne è custode e paladino: la  salvaguardia  della tradizione.    

Spero di tornare ad occuparmi presto di Balduzzi in questo sito, proponendovi attraverso racconti, non solo pagine antiche e memorabili della sua vita, di cui ne sono a conoscenza per la profonda amicizia che lo legava a  mio padre, ma soprattutto, per tramite Lui, per raccontarvi aneddoti di una San Salvo dei nostri padri, che non c’è più, ma che ha bisogno di testimonianze della memoria per capire al meglio le nostre origini e la nostra vera identità.

E per concludere con quanto ho iniziato: AUGURI CAVALIERE!!! E che Iddio ti preservi ancora a lungo.

San Salvo, 21 Aprile 2013

                                                                                              Fernando Sparvieri

Fisarmonica Ivo Balduzzi
Chitarre: Fernando Sparvieri e Umberto De Filippis
Mandolini : Leone Balduzzi e Olindo Talucci.
Voce Nino Canosa

AUDIO

SANTISALVE BELLE
(Leone Balduzzi )


SAN VITALE
(Leone Balduzzi)



LA PICURARELLE
(Balduzzi - Tilli)


PER APPRONFONDIMENTI SU LEONE BALDUZZI: http://leonebalduzzi.wordpress.com/