WWW.SANSALVOAntica.IT


HOME
 

TORNA ALLA BACHECA DI FERNANDO SPARVIERI


Ergilio Monaco

(I racconti di Fernando Sparvieri 



ERGILIO MONACO

(Artista vero)

di Fernando Sparvieri

VIDEO


ERGILIO
MONACO Ergilio Monaco - Un artista ecclettico
Un artista vero

Ho sempre avuto una particolare ammirazione per Ergilio Monaco, un bravo ragazzo, ormai sessantenne. Arrivato nel 1967 da Arielli, suo paese natio, in una San Salvo paese agricolo agli albori dell’industrialità, Ergilio si distinse subito  per il suo carattere mite, sempre sorridente, in armonia e sintonia con i coetanei.

La sua spontaneità e sincerità lo portarono ben presto ad avere una nutrita schiera di amici, fra i quali alcuni che avevano la passione per la musica.

Erano gli anni dei  I PREPOTENTI, storico gruppo beat locale,  e ricordo che Ergilio, insieme a suo fratello Vincenzo, iniziò a strimpellare da autodidatta la chitarra, formando un gruppetto musicale insieme ai suoi primi amici sansalvesi Calvino Cilli, il fotografo, e Gino Tumini (batterista).

Conobbe in quegli anni Rino Di Cola, che suonava il basso con “I FACILI”, altro gruppetto musicale emergente degli anni 60, costituito, oltre che da Rino, da Ivo Balduzzi (all’organo elettronico), Michele De Filippis (chitarra elettrica  ritmica), da Osvaldo Menna (voce solista) e dal sottoscritto (chitarra elettrica solista),  iniziando a frequentare assiduamente gli ambienti musicali dell’epoca.

A furia di suonare Ergilio divenne ottimo chitarrista elettrico. Erano i tempi di "Oyo como va"  e  "Samba pa ti" di Carlos Santana, di cui Ergilio ne imitava i brani in modo perfetto, e dopo qualche tempo, con Michele De Filippis, divenuto batterista, Ivo Balduzzi, Rino Di Cola, ed i fratelli Cilli Vito e Luciano, rispettivamente voce solista e cantante-percussionista,  diede vita  ad un nuovo gruppo musicale chiamato  FLC (Fratelli, Leone e Compagni), che ebbe il periodo di suo massimo successo partecipando, con il nuovo nome degli “AMBASSADOR”, al Cantagiro  edizioni 1978 e 1979, manifestazione canora presentata da Pippo Baudo e organizzata dal regista RAI Carlo Siena, che li vide in giro per tutta la penisola.

Oggi Ergilio, continua ad essere appassionatissimo della chitarra. Studia in continuazione nuove tecniche chitarristiche sia elettriche che classiche e si cimenta in brani musicali anche di non facile esecuzione. Spesso, passando nel negozio di strumenti musicali, gestito dalla moglie Anna Maria al Centro di San Salvo, mi soffermo con lui ed ogni volta ha sempre qualcosa di nuovo da mostrami.

La sua passione per la chitarra e per la musica è rimasta intatta. Ammiro in lui soprattutto il suo continuo desiderio di migliorarsi, di essere al passo con i tempi, di confrontarsi anche con talenti locali di nuova generazione, che hanno avuto la fortuna e la possibilità, al contrario di quanto succedeva ai nostri tempi, di studiare con maestri di musica veri.

Ma al di là della chitarra, ho sempre ammirato in  Ergilio  una sua dote che lo rende artista eclettico: l’arte della pittura.

Ergilio è pittore autentico, artista inconfondibile, grazie ad un’attitudine che madre natura gli ha donato e che egli ha saputo affinare nel corso degli anni con lo studio dell’arte e delle tecniche pittoriche.

Se vi è qualcosa che gli ho sempre invidiato è questa sua capacità di creare veri ed autentici capolavori.

E’ da qualche tempo che  Ergilio  non dipinge più con la stessa intensità degli anni migliori ed è un vero peccato.

Da parte mia l’ho sempre spronato a non abbandonare il cavalletto ed i pennelli, passione a cui  forse egli, con estrema umiltà, non ha mai dato la giusta importanza, sopratutto per farsi conoscere ed apprezzare anche al di fuori della realtà locale.

In questi giorni  parlando con lui, mi ha mostrato un album contenente le foto di alcune sue opere, risalenti agli anni passati.   

Glie l’ ho confiscato e…  l’ho dato a Tonino Longhi, mio collaboratore nel sito,  il quale ha avuto la geniale idea di fare un DVD dal titolo : MOSTRA DI PITTURA – espone ERGILIO MONACO – SAN SALVO, con musiche originali del sottoscritto.

Guardate il risultato.

Grazie Ergilio per la tua Arte e la tua  Amicizia (con le A maiuscole) ed… un ultimo consiglio: ricomincia a dipingere.

 

                                                                                        Fernando Sparvieri

 


HOME   

TORNA ALLA BACHECA DI FERNANDO SPARVIERI